SCOPRI L’INTRUSO

banner-jesolo.info
banner-atvo
2MC impianti

Einstein, Razzi, Cavazzini: chi è secondo voi il vero bociacanocia?

Tre cose di Albert Einstein mi hanno sempre affascinato: i capelli, bizzarro incrocio aux cheveux tra Crudelia Demon, Andy Warhol, Donatella Rettore e Cristiano Malgioglio, e alcune frasi che hanno sicuramente contribuito a renderlo celebre. La terza cosa, ovviamente, è il nome. Le sue performance da scienziato quelle no, non mi pigliano più di tanto: qualche volta ci provo pure, ma quando leggo che dimostrò la validità del concetto di quanto di Planck nell'ambito della spiegazione dell'effetto fotoelettrico dei metalli (la dimensione E di un quanto di energia dipende dalla frequenza v della radiazione secondo la formula E=hv dove h è la costante di Planck), capite che il mio primo istinto sarebbe quello di rifugiarmi nell'abuso di sostanze illegali. Insomma non capisco una bella mazza, viceversa con alcune sue massime, summa di una genialità conclamata, mi trovo più a mio agio: solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità umana, ma riguardo all'universo ho ancora dei dubbi. Oppure: Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finchè arriva uno sprovveduto che non lo sa e lo inventa. E ancora: Chi dice che una cosa è impossibile, non dovrebbe disturbare chi la sta facendo. Una simpatica canaglia questo Einstein, e considerato che secondo i romani nomen omen, il nome è un presagio, se pure io mi chiamo Alberto una ragione ci sarà. Non so se quando si sono presentati all'anagrafe i miei genitori hanno proprioproprioproprio pensato a questo, al nomen omen, ma poichè la vita è giudice imparziale e severo, negli anni il presagio di mamma e papà si è palesato in mille modi, in mille piccoli episodi. Solo un piccolo genio, quale in effetti io ritengo di essere, può decidere di lavare i pesci nell'acquario con lo shampoo perchè puzzano. Pesciolini deceduti, acquari archiviato in soffitta. E poi la genialità è un vulcano in continua eruzione, diciottenne neopatentato sono riuscito ad andare a scuola in auto e tornare a casa in pulman (vabbè dai, a chi non è capitato di dimenticare qualcosa a scuola?), spingendomi in età matura ben oltre i confini della stoltezza umana: anni fa, quando sognavo di fare il giornalista serio, a proposito di un esimio professore passato a miglior vita, scrissi che era, anzichè un famoso latinista, un famoso latitante... Roba da far arrossire perfino Antonio Razzi, che in un intervento alla Camera diventato famosissimo disse Non ho mai pentito di quello che ho fatto. Nessuno è perfetto, lo sappiamo tutti e lo sapeva pure Einstein, che però una voltà giocò d'azzardo affermando che Ognuno è un genio. Ma se si giudica un pesce dalla sua abilità di arrampicarsi sugli alberi, lui passerà tutta la sua vita a credersi stupido. Bella frase, di sicuro effetto, anche se dissento da quell'incipit così ottimistico, Ognuno è un genio. Sbagliato, profondamente sbagliato. Io ne sono la prova vivente. Anzi, io e Razzi ne siamo la prova vivente. Anzi, a pesarci bene Razzi è riuscito a piazzarsi in Parlamento. Fe-no-me-na-le, state a vedere che, a forza di questo ha fatto quello e quello ha fatto questo, va a finire che rimango l'unico imbecille sulla faccia di 'sta terra... Quella volta all'anagrafe, anzichè Alberto, un semplice bociacanocia sarebbe stato più che sufficiente. Alberto Cavazzini Scrivi a: direttore@vivijesolo.it

Altro da Tanto per dire

  • CORRI, CORRI, CORRI

    CORRI, CORRI, CORRI L’estate del tanto di tutto si avvia al termine? Non ne sarei così sicuro. Corri corri corri…

  • PAURE E PASSIONI

    PAURE E PASSIONI A Ferragosto ho scoperto Anaïs Nin, donna affascinante e controversa L’uomo è pigro. Pigro e timoroso. Timoroso…

  • VERDE-GIALLO-ROSSO

    VERDE-GIALLO-ROSSO Quando la sindrome da intersezione trasforma l'incrocio in luogo dell'arte. Verde-giallo-rosso, rosso-verde-giallo, giallo-rosso-verde. Qualche rara pausa giallo-intermittente, ma ci…

  • NIENTE DI PERSONALE

    NIENTE DI PERSONALE Riflessioni politicamente scorrette su una campagna elettorale qualsiasi Siamo sinceri, un po’ di pelo sullo stomaco ci…

  • A LEZIONE DA BEBE

    La normalità? Solo un’invenzione di chi è privo di fantasia. A margine della straordinaria giornata trascorsa con Bebe Vio, la…

  • SCOPRI L’INTRUSO

    Einstein, Razzi, Cavazzini: chi è secondo voi il vero bociacanocia? Tre cose di Albert Einstein mi hanno sempre affascinato: i…

  • SOCIAL E FAKE NEWS

    A forza di scrivere trolliate, la rete non funziona più. The Internet is broken. The Internet is broken. Internet non…

  • E BERTA FILAVA

    Una radiolina per le partite, uno smartphone per cosare. Cosa, non si sa. Possono un’immagine o un particolare contesto generare…

  • VUOI FARE UN TIRO?

    Fumo, alcol, gioco d’azzardo: quando un Paese prende di mira il nostro lato B Il recente dibattito sulla liberalizzazione delle…

  • PASSAMI UN PASS

    Un formidabile antistress, un cartoncino miracoloso che aiuta a vivere meglio non so se esista davvero una ricetta per vivere…

  • MI DIMETTO DA UOMO

    Indro Montanelli, l'eccezione della normalità e l'intelligenza sopravvalutata Chissà come avrebbe commentato Indro Montanelli la straordinaria escalation di terrore e…

  • L’HOMO LAMENTOSUS

    Un'invasione senza precedenti: si insinua silente tra di noi, poi attacca la solfa Dilagano in tutto il territorio esemplari appartenenti…

  • GLI INCHIAPPETTANDI

    I truffatori sono categoria vomitevole, ma spesso anche noi ci mettiamo del nostro Da qualche settimana mi sta contattando via…

  • VIVIJESOLO FAMILY

    Un ambizioso cambio di formato e altre novità. Comincia per VJ l'anno ventidue. Non-notizie dal non-inverno passato da poco. Dunque,…

banner-vivijesolocard
Banner-Jesolo-a-tavola
Banner-acquista-il-tuo-spazio
Banner-acquista-il-tuo-spazio

I commenti sono chiusi