TANTE SCELTE, NESSUNA SCELTA

banner-jesolo.info
banner-atvo
2MC impianti

Esiste davvero la libertà di scelta? Siamo davvero liberi di scegliere la nostra identità, le nostre preferenze sessuali, la nostra religione, ad esempio? Siamo davvero certi, anche quando andiamo al supermercato - poca roba, direte - di fare sempre la scelta migliore, in totale libertà? Barry Schwartz, docente di teorie sociali, e Renata Salecl, psicanalista e criminologa slovena, autrice qualche anno fa di un interessante saggio dal titolo La Tirannia della Scelta, non sono d’accordo e mettono in discussione il rapporto tra quantità di
scelte e libertà, l’idea è che più possibilità di scelte si hanno, più si è liberi; e, che, più si è liberi, più si è felici. Secondo Schwartz avere tantissima scelta, addirittura, vuol dire non averne nessuna. «Dovremmo sentirci liberi - scrive - e invece lo siamo meno di quanto immaginiamo». Eppure, l’esercizio della scelta, secondo gli esperti, è chiave essenziale che schiude al cambiamento. L’importante è comprendere che scegliere non è un atto interamente razionale. Secondo la Salecl l’abbondanza di scelte ci rende addirittura ansiosi, inadeguati, col
pevoli, ciechi e ignari. Forse perché non esiste la scelta perfetta? Quella che ci dà la totalità delle garanzie? Certo, una scelta comporta sempre una perdita e questo, per i più, è motivo d’angoscia. Quando siamo ansiosi, da una parte, non sempre siamo in grado di dire qual è il motivo. Dall’altra, presumibilmente, siamo ansiosi perché abbiamo troppe opzioni. Jean Paul Sartre diceva: «La persona sull’orlo dell’abisso non è solo ansiosa per la paura di cadere, ma anche perché potrebbe decidere di saltare».


Stefano Momentè
Scrivi a: stefano@nextitalia.it

Altro da minima moralia

  • FINO ALLA FINE COSÌ

    La vita ironica di Mario Vigiak Ho ricevuto questa mail il 9 aprile: Cari amici, sodali e conoscenti che, sinora,…

  • VISIONI DIVERSE

    Cosa può fare l’atteggiamento mentale Un aneddoto racconta la storia di due gemelli, uno ottimista, l’altro pessimista. i genitori, preoccupati…

  • DEL SEMINARE ZIZZANIA

    I manipolatori relazionali che incrociamo sulla nostra strada La zizzania (Lolium temulentum), anche detta loglio cattivo, è una pianta erbacea…

  • IL PONTE DEI PUGNI

    Dove Jesolo e Eraclea hanno continuato per secoli a farsi la guerra C'è un luogo a Venezia che più di…

  • RAZZE, FAVOLE, MITI

    Eva e la deriva dei mitocondri La storiella delle razze non mi è mai andata giù e chi mi conosce…

  • CHIAMASI CIOCCOLISMO

    Ecco perchè l'amante Questa è l'era degli ismi. Che siano movimenti, dottrine, attegiamenti, tendenze, caratteri, oppure difetti, qualità o abitudini,…

I commenti sono chiusi