Claudio Cecchetto

Raccontare la vita degli altri, con la scusa di un’autobiografia. Lo ha fatto Claudio Cecchetto. Produttore discografico, conduttore di svariati programmi televisivi di successo, fondatore di Radio Deejay e grande talent-scout, da Jovanotti a Fiorello, Fabio Volo, Gerry Scotti. Lo abbiamo incontrato alla presentazione del libro In Diretta. Il gioca jouer della mia vita (Baldini e Castoldi)

Sembra più di una autobiografia. «Di fatto non lo è. è stata la pretesa per raccontare la vita di altri. Penso di avere raccontato la vita di personaggi che sono nel vostro cuore».
Storia di uomini ma non solo. «La storia degli artisti, ma anche della nascita delle radio libere, la storia della dance made in Italy».
E la storia di Radio Deejay. «La differenza fu scegliere gli uomini, chi parlava. Se non ci fossero stati gli uomini, non si sarebbe potuto fare radio».