Anche per il nostro micio il tempo passa

Anche il nostro micio invecchia! Un gatto è considerato anziano per alcuni tra gli 8 e i 10 anni, per altri tra i 12 e 14; ma già intorno ai 9 è consigliato programmare dei check up annuali in modo tale da avere dei parametri di riferimento per un sano invecchiamento. Spesso, infatti, alcune patologie insorgono in maniera subdola senza iniziali sintomi, ecco perché è importante eseguire uno screening almeno una volta l’anno (se il gatto non ha problemi) in modo tale da mantenere sotto controllo i valori ematici. Non lasciatevi ingannare dal fatto che il vostro gatto sta bene. Essi, infatti, hanno una capacità innata di nascondere il dolore ed anche i più attenti proprietari potrebbero esserne ingannati. È importante avere un medico veterinario di fiducia e che conosca il vostro gatto, soprattutto quando invecchia. Sei mesi suoi corrispondono a due anni “umani”, quindi capite quante cose possono cambiare in così poco tempo.
Vediamo alcune patologie o condizioni che possono interessare il nostro micio.

Problemi renali
È sicuramente una delle patologie più frequenti. Un buon funzionamento renale è fondamentale perché esso gioca un ruolo fondamentale in quasi tutti i processi corporei. Un problema ai reni porterà con sè altre conseguenze (pressione alta, infezione del tratto urinario ed accumulo di tossine nel sangue…). Alcuni sintomi potrebbero essere un’assunzione esagerata di acqua, aumento della minzione, perdita di appetito e peso, vomito. È importante controllare la lettiera: le dimensioni dell’urina del vostro gatto dovrebbero essere come una piccola pallina da ping pong. Tenetela monitorata: anche il cambio delle abitudini, tipo sporcare fuori dalla lettiera, può essere un segnale di malessere. Se il vostro gatto è anziano con difficoltà motorie, potrebbe non essere in grado di riuscire ad alzare le zampe per entrare nella lettiera: in commercio esistono lettiere con dei gradini per agevolarne l’entrata.

Problemi dentali
I denti spesso creano dei problemi negli anziani… Gengiviti (infiammazione delle gengive), peridontite, ascessi, stomatiti che, se trascurati, possono, oltre a provocare molto dolore, anche essere causa di fastidiose e pericolose infezioni. Utile è prevenire! Come? Lavando i denti al gatto!
È più semplice di quanto possiate immaginare: in commercio esistono delle paste appetibili enzimatiche. È sufficiente metterne un po’ sul vostro dito e massaggiare le gengive e denti almeno una volta alla settimana. Se abituate il vostro micio fin da cucciolo, sarà tutto molto più semplice poi.

Problemi cardiaci
Quando un cuore invecchia fa più fatica a pompare il sangue ai muscoli e agli organi. Il cuore nell’anziano deve essere sempre monitorato.

Mancanza di energia
Può essere normale perdere un po’ di smalto ad una certa età. Sappiamo, poi, che la maggior parte dei gatti ama riposare quando non caccia; in ogni caso è importante osservare i movimenti del nostro micio. Se si muove lentamente, se fatica a saltare o se quando lo chiamate per dargli da mangiare non alza bene la coda: sono tutti segnali che qualcosa non va.
È importante mantenere la bestiola attiva. Sia fisicamente che cerebralmente: giocare e fare esercizio per tenersi in forma è molto importante ed aiuta ad invecchiare più serenamente. Ovviamente, meno ci si muove e più si ha la tendenza ad ingrassare. È importantissimo non essere ciccioni. Come per noi umani, peso in più significa affaticamento cardiaco, maggiore sollecitazione alle articolazioni, etc. Ed altri problemi che tutti ben conosciamo.

Debora Severo è una osteopata e svolge l’attività di libera professione nel suo studio di Vicenza e di Jesolo e alla casa di cura Rizzola di San Donà di Piave, nella sezione di rieducazione vestibolare. è, inoltre, specializzata in osteopatia animale e veterinaria, applicata al cane al centro di addestramento “Balla coi Lupi” di Vicenza e al centro di idrokinesiterapia “Cani per caso” di Mestre, oltre ad attività specifica applicata agli equini.

Per scrivere a Debora Severo:
info@deborasevero.it

X