I grandi passi della digitalizzazione

Sono passati 6 mesi dall’inizio del lockdown, quando di colpo le nostre sicurezze sono crollate e siamo entrati in un mondo alternativo, fatto di stranezze, nuove abitudini e repentini cambi di scenario. In un articolo di inizio estate ho parlato di quanto il digitale abbia accelerato il suo sviluppo, per i motivi obbligati che tutti conosciamo: la scuola da remoto, lo smart working, il food delivery.

Di pari passo, le nostre competenze e conoscenze in ambito digitale hanno ricevuto uno stimolo importante: chi non era avvezzo al digitale si è tirato su le maniche cercando di imparare da zero, chi invece aveva già iniziato questo percorso ha cercato di correre ancora più veloce per tenere testa ai cambiamenti.

Ma qual è realmente lo stato dell’arte in ambito digitale dopo tutto questo?
I grandi colossi digitali che dominano il mondo si sono messi in campo per aiutare lo sviluppo e la formazione in questo ambito: Google e Facebook prima di tutti. Attraverso corsi di formazione gratuiti e strumenti messi a disposizione degli utenti, i due colossi americani stanno cercando di sostenere lo sviluppo del digitale anche in Italia. Come? Attraverso progetti importanti che molte volte sfuggono ai più. “Italia in digitale” è un recente progetto promosso da Google che ha l’obiettivo di stimolare la crescita digitale delle PMI italiane, soprattutto dopo la grave crisi appena iniziata.
Verranno stanziati 900 milioni di euro per lo sviluppo digitale, attraverso formazione gratuita e strumenti digitali performanti per garantire il miglioramento dei processi digitali all’interno delle aziende italiane. Piattaforme di e-commerce, siti web, strumenti tecnologici. Nell’area del Nord-Est d’Italia, Google annuncia di voler aiutare principalmente le aziende che si occupano di turismo, distribuzione e manifattura, settori trainanti dell’area geografi ca citata.
Ma quanto dobbiamo accelerare per poter essere competitivi? Un recente studio del Digital Economy and Society Index (DESI) dell’Unione Europea, l’Italia è al 25esimo posto su 28. Non certo un dato confortante, su cui bisogna impegnarsi, investire e lavorare molto.

Gionata Smerghetto – Social media specialist & Content Creator – dalla passione per la fotografia, oggi lavora con uno smartphone e una buona connessione Wi-Fi.
ViviJesolo ha affidato a lui la rubrica Be Social, quella che ci terrà aggiornati sul mondo dei social media e delle news di questo ricco mondo di comunicazione.

Titolare di Garage Raw/ Social Media Agency
gionata@garageraw.com
Garage Raw / Social Media Agency
Instagram
Facebook
Twitter

X