Dimmi che bici hai e ti dirò chi sei

Scegliere la bici giusta è importante, per muoversi, per fare sport, per sentirsi in forma, per star bene e per una miriade di motivazioni. È importante capire, secondo le proprie esigenze, l’uso che se ne vuole fare.

Diamo un occhio alle diverse tipologie.

sponsored

La bici da corsa o strada, leggera, veloce, per un ciclismo sportivo, considerata la “Regina” delle bici, sensibile ad ogni spinta sui pedali e reattiva alle sollecitazioni, grazie al suo manubrio con pieghe permette una postura aereodinamica per una maggiore velocità nella corsa.

La mountain bike, comunemente MTB, che nasce in California alla fine degli anni ’70, da una bici da lavoro modificata per le gare di discesa in montagna (downhill). Gary Fischer, ritenuto il papà della MTB, fu tra i primi a pensare una bicicletta per percorsi sconnessi e ripidi soprattutto nel fuoristrada. Questa tipologia è dotata, spesso, di forcella anteriore ammortizzata e, in alcuni modelli, di ammortizzatore posteriore (full suspension). Per la sua vocazione al fuoristrada è attrezzata con cassetta pignoni posteriore a più velocità, fino a 12 rapporti, e copertoni più larghi e tassellati per una maggior presa sul terreno sconnesso.

La Gravel Bike, letteralmente bicicletta da “ghiaia”, è la bici più interessante degli ultimi anni nel panorama innovativo delle due ruote. La potremo definire un incrocio tra MTB e la bici da corsa; è la soluzione ottimale per chi vuole percorrere molti chilometri senza preoccuparsi del terreno sotto le ruote. Questa bicicletta, con piccoli accorgimenti, come le luci, le borse, ecc., può trasformarsi in un’ideale bici da viaggio.

La bicicletta a pedalata assistita o e-Bike, è un’ottima scelta per chi è attratto dalla bicicletta ma fisicamente non si sente in grado di affrontare molti chilometri e le salite più dure. È dotata di un motore elettrico ausiliario la cui alimentazione si attiva pedalando e si interrompe quando smettiamo, fino ad un massimo di 25 Km/h. Il motore eroga una data quantità di potenza in base al nostro sforzo sui pedali e alla frequenza della pedalata.

Bici a scatto fisso “fixed bike” si è diffusa soprattutto in città sull’onda dei bike messengers, che la usano per lavoro nel traffico cittadino. E’ leggera e veloce, ha geometrie del telaio simili alla bici da corsa, ma la sua peculiarità è avere un unico pignone posteriore fisso, privando di fatto la bici di ruota libera.

In commercio si trovano numerosi modelli, non importa che bicicletta scegliamo, se nuova o usata, se l’ultimo modello o quella del nonno, la cosa che conta sempre è… felici in bici!

RealBikeGuides

About Author /

È composto da guide cicloturistiche sportive, maestri mtb e accompagnatori specializzati della Federazione Ciclistica Italiana. Siamo in grado di orientare e proporre attività ed itinerari ciclistici in relazione alle eff ettive capacità individuali delle persone per le quali svolgere l’attività di accompagnamento, sia su strada che fuoristrada. Via Cà Silis 13 30016 Jesolo @realbikeguides info@realbikeguides.com

Start typing and press Enter to search