Le pesche: sapore d’estate

Questa volta ci dedichiamo ad uno dei frutti estivi per eccellenza: la pesca! Una leggenda narra che il nome di questo frutto si debba alla curiosità di un pescatore: trovato un nocciolo nel ventre di un pesce che aveva appena pescato, decise di piantarlo vicino alla sua capanna. Passato qualche mese, crebbe una pianta che in primavera si copriva di bellissimi fiori rosa. Il frutto prodotto sarebbe stato chiamato pesca, in omaggio all’origine della sua scoperta. Il frutto, in realtà originario della Cina, ha molte qualità: drenante, disintossicante, digestivo e depurativo, ricco di acqua, vitamine, carotenoidi e antiossidanti che prevengono l’invecchiamento precoce della pelle.

È ricco anche di sali minerali tra cui il potassio che regola il battito cardiaco e la pressione sanguigna. Da sottolineare che la buccia delle pesche è la parte più ricca di fibre come la pectina, che hanno effetto benefico per il ripristino delle funzioni intestinali e contrastano la stitichezza. È consigliato scegliere frutti provenienti da agricoltura biologica e lavare sempre bene la pesca sotto un getto di acqua fredda prima del consumo.

SMOOTHIE VEGANO CON LATTE DI MANDORLE E PESCHE

Ingredienti

1 litro di latte di mandorle
4 pesche noci mature
1 cucchiaino di cannella in polvere
Zucchero di canna integrale (facoltativo)
Un cucchiaino di succo di limone

Prendere il latte di mandorle che più aggrada o sostituirlo con un altro latte secondo il proprio gusto (riso, avena, soia). Versarlo in un frullatore, unire un cucchiaino di cannella in polvere, il limone e tenere da parte. Lavare le pesche e dopo averle private del nocciolo, tagliarle a cubetti. Unirle al latte e iniziare a frullare per qualche minuto fino a quando non si otterrà un liquido denso e omogeneo. Con un cucchiaio controllare che non siano rimasti pezzi di frutta interi, altrimenti continuare a frullare. A questo punto lo smoothie è pronto: si può bere sia a temperatura ambiente oppure metterlo in frigorifero per un’oretta per gustarlo fresco.

ANTIPASTO:BRUSCHETTE CON PESCHE, ACETO BALSAMICO, BASILICO E CREMA DI FAGIOLI BIANCHI

Ingredienti:

250 ml aceto balsamico biologico di Modena IGP Acetaia Guerzoni
2 pesche – o pesche noci biologiche
1 baguette integrale o senza glutine – 250-300g circa
8 -10 foglie di basilico – grandi
100 g fagioli bianchi cannellini in lattina – scolati e sciacquati (oppure 30-35g secchi)
5 g olio extra vergine di oliva + 1 cucchiaio per tostare le bruschette in padella o forno
2,5 ml succo di limone – 1cucchiaino da caffè
1 cucchiaino scorza di limone biologico
0,5 g sale – se non amate i sapori dolci usate 1g sale
 ¼ spicchio d’aglio privo dell’anima
pepe q.b.

PREPARAZIONE

In un pentolino versare l’aceto balsamico e lasciar sobbollire a fuoco medio-basso per 10 minuti circa fino a ridurlo a 1/10 del peso iniziale: da 250ml di aceto si ottiene circa 25ml. Controllare spesso e mescolate con un cucchiaio di legno. Lasciar raffreddare. Nel frattempo lavare e sciacquare i fagioli cannellini, metterli in un frullatore o robot da cucina con sale, olio, aglio, succo e scorza di limone e pepe. Frullare fino ad ottenere una crema morbida omogenea. Se necessario aggiungere un cucchiaio di acqua. Aggiustare di sale. Tagliare la baguette a fette da 1cm circa in diagonale.

In una padella antiaderente versare un cucchiaio di olio, distribuirlo con un panno carta su tutta la superficie e tostare il pane a fiamma bassa. Eventualmente tostare in forno a 200°C per 8-10 minuti. Sciacquare le pesche e tagliarle a fette. Serviranno 2 fette per ogni bruschetta. Sciacquare le foglie di basilico, asciugarle delicatamente con un panno carta e tagliarle a listarelle sottili. Travasare la riduzione di aceto balsamico in un biberon da cucina o in una piccola ciotola. Comporre le bruschette spalmando la crema di cannellini su ciascuna fetta di pane tostato, aggiungere il basilico, le fettine di pesche e la riduzione di aceto balsamico.

PRIMO PIATTO: RISOTTO ALLE PESCHE E ZAFFERANO

Ingredienti (per 4 persone):

240 g di riso Carnaroli
5-7 pesche
1/2 cipolla dorata
1/2 bicchiere di vino bianco
2 bustine di zafferano
q.b. olio extravergine d’oliva

PROCEDIMENTO
Tritare finemente le cipolle e soffriggere in un filo d’olio extravergine d’oliva. Unire il riso e tostarlo a fuoco vivace, fin quando non appare traslucido. Sfumare con il vino e attenderne l’evaporazione. Quindi bagnare il riso con un mestolo di brodo vegetale caldo. Continuare a cuocere per circa 15 minuti, aggiungendo del brodo di tanto in tanto. Nel frattempo frullare le pesche con lo zafferano. Quindi aggiungere al risotto la purea ottenuta e proseguire la cottura fino a quando non risulterà al dente, Guarnire il piatto di portata con fette di pesca e pistilli di zafferano.

SECONDO PIATTO: INSALATA FRESCA DI ZUCCHINE E PESCHE

Ingredienti (per 4 persone:

250 g Lattuga (o altra insalata)
3 Zucchina
3 Cetrioli
2 Pesche noci
150 g Yogurt greco
q.b. Origano
q.b. Sale e pepe

PROCEDIMENTO:

Lavate accuratamente le pesche nettarine, le zucchine, i cetrioli e le foglie dell’insalata che preferite, quindi fate asciugare su un canovaccio asciutto. Intanto mettete lo yogurt in una ciotola e con un cucchiaio mescolatelo con un pizzico di sale e di pepe, aggiungendo anche un pochino di origano o di basilico. Sbucciate i cetrioli, tagliateli per il lungo a fette sottili con la mandolina e metteteli a bagno in acqua fredda per 5 minuti. Tagliate le pesche noci a fette sottili e mettetele in una ciotola. Tagliate grossolanamente l’insalata e aggiungetela alle pesche nella ciotola. Unite anche i cetrioli. Con una grattugia a fori grossi tagliate le zucchine a julienne e unitele agli altri ingredienti. Mescolate infine il tutto e condite con la salsa allo yogurt.

About Author /

Il “Cornaro” si segnala nel panorama scolastico nazionale come una delle scuole più prestigiose ed attive, in grado di esercitare un ruolo propositivo e trainante per l’intera filiera dei servizi alberghieri, della ristorazione, commerciali e turistici.

Start typing and press Enter to search