Fiori e frutti delle pinete

“Portatrici di coni”: ecco cosa significa la parola che identifica, in botanica, il gruppo di cui fanno parte i pini che popolano le nostre pinete. Infatti quelle che comunemente vengono chiamate pigne, dal punto di vista scientifico prendono il nome di coni e sono dei veri e propri frutti.
E come ogni pianta con il frutto possiede il fiore, anche il pino che produce coni possiede dei fiori. La particolarità è che il Pinus pinea e il Pinus pinaster sono specie monoiche, cioè portano sulla stessa pianta sia i fiori maschili che i fiori femminili. Quando vi ritrovate la macchina ricoperta di polvere gialla in estate, ebbene, quello è il polline leggerissimo, prodotto da minuscoli fiori maschili e portato in giro dal vento. Una volta che l’impollinazione è avvenuta e i coni iniziano a custodire i semi, non è finita qui: le pigne possono richiedere fino a tre anni per giungere a completa maturazione! Perciò i pinoli pronti hanno già una discreta età quando cadono sul suolo… o quando finiscono nelle nostre torte.

Alice Stocco, classe ’86, è cresciuta mangiando liquirizia come Indiana Pipps e sognando di diventare una biologa.

Mamma di una piccola guerriera e di un piccolo simpaticone, ha scritto qualche libro e ha realizzato il sogno di essere davvero biologa. Adesso studia l’ecologia degli ambienti acquatici e, naturalmente, continua a mangiare liquirizia.

X