Consumo di sostanze alcoliche: suggerimenti

Oggi, in Italia, un terzo degli incidenti stradali con esito mortale è attribuibile all’uso di sostanze alcoliche e/o stupefacenti; il 50% degli utenti della strada coinvolti in incidenti ne hanno assunto.

Anche le Polizie Locali, al fine di prevenire tali eventi, sono dotate delle apparecchiature “Alcotest”, atte a rilevare la quantità di alcool contenuta nel sangue. Con l’etilometro, infatti, vengono eseguiti controlli su chi circola nel territorio ed in tutti quei casi nei quali possano sorgere dubbi sulla sobrietà dei conducenti con strane condotte di guida o coinvolti in sinistri.

Se, a causa della guida di un veicolo a motore sotto gli effetti dell’assunzione di bevande alcoliche o di sostanze stupefacenti si verifica un sinistro stradale, le compagnie assicurative possono effettuare azioni di rivalsa nei confronti dell’assicurato.

Peraltro, se la guida in stato di ebrezza o di alterazione psicofisica è commessa con motoveicoli o ciclomotori, si procede al loro sequestro ai fini della successiva confisca. È previsto il raddoppio delle pene se il conducente in stato di alterazione provoca un incidente stradale. 

Tutto ciò non significa che dovremo rinunciare al piacere di mangiare accompagnando il cibo con vini raffinati, o alla tradizione di festeggiare un evento con il classico brindisi, o ancora di assaporare vini e liquori nelle occasioni più disparate (feste, discoteca, con gli amici…), ma consigliamo di osservare alcune semplici regole:

a) se si è in gruppo qualcuno deve astenersi dall’assumere alcool per guidare al ritorno;

b) se si è soli, conviene assumere solo sostanze prive di alcool e comunque evitare di porsi alla guida dopo aver assunto alcolici;

c) è bene non offrire da bere a chi deve mettersi al volante;

d) è opportuno rifiutare passaggi da persone che evidenziano uno stato di ebbrezza;

e) è bene servirsi di mezzi pubblici (taxi, autobus, treno) quando si è coscienti di aver bevuto;

f) è sconsigliato assumere a stomaco vuoto qualsiasi bevanda alcolica, e se si ha veramente sete è meglio bere una bevanda analcolica;

g) è sconsigliabile guidare subito dopo un pranzo abbondante: predispone la sonnolenza e concorre all’affaticamento fisico.

Il Codice della Strada prevede pene alternative al carcere per i conducenti fermati in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di droghe. Su richiesta al Prefetto la pena detentiva o pecuniaria può essere sostituita, per non più di una volta, con lavori di pubblica utilità, effettuati prioritariamente nel campo della sicurezza e dell’educazione stradale.

Le statistiche parlano chiaro! Troppi sono i morti nelle notti del week-end.

Pensa alla vita…guida con la testa!!! …… campagna permanente per la sicurezza stradale ANVU

About Author /

a cura del Commissario Capo STEFANO BUGLI e del Commissario Principale SALVATORE SIGNORELLI

Start typing and press Enter to search