Kaizen: come migliorare la propria vita

Migliorarsi costantemente è una scelta coerente con il continuo divenire della vita: tutti noi cambiamo e non siamo mai gli stessi, così come il mondo che ci circonda non è mai lo stesso. Non possiamo negare il fatto che la volontà di evolversi sia implicita nel nostro DNA. Di fatto, esiste una sottile, ma significativa differenza tra l’uomo e il resto degli esseri viventi: la maggior parte di essi ha bisogno di morire e rinascere per scatenare un’evoluzione. Al contrario, noi siamo gli unici capaci di evolvere in modo intenzionale nel corso della nostra vita. Il metodo Kaizen può essere un valido aiuto in tale direzione. Si tratta di una vera e propria filosofi a, che affonda le sue radici in Giappone. La parola Kaizen viene utilizzata per indicare un miglioramento costante e senza fine. È composta di due termini, KAI, che significa cambiamento, miglioramento, e ZEN, che significa, buono, migliore. Tale filosofi a si basa sul principio del miglioramento graduale, fatto di piccoli e semplici passi in avanti.

Tante piccole azioni quotidiane sommate assieme in un lungo periodo allenano la curiosità e la resilienza, rafforzano le abilità organizzative, comunicative e relazionali, in grado di accogliere il cambiamento con una predisposizione d’animo più serena e fiduciosa. Il metodo Kaizen insegna a porsi le giuste domande, allena la volontà a migliorarsi continuamente, educa la disciplina interiore e rafforza la fiducia in sé stessi superando la paura attraverso l’azione. Le domande potrebbero essere: che cosa posso fare meglio di prima? Come posso farlo in modo più efficiente? Se dedicassi una sola ora a settimana ad un’attività per me stesso, nel giro di un anno, sarei più felice? Quali persone potrei frequentare per essere stimolato e stare meglio con me stesso? Se iniziassi ora quel progetto che ho nel cassetto, tra un anno sarei più felice? Le risposte a queste domande dovrebbero essere piccoli passi quotidiani verso il miglioramento tali da garantirti, ogni giorno, una sorta di “allenamento”. Tre sono le leve fondamentali del miglioramento costante su cui lavorare per applicare la metodologia Kaizen:
• LA FORMAZIONE CONTINUA. Non credere mai di essere arrivato.
• ELIMINAZIONE DEGLI SPRECHI. Elimina tutte quelle cose che nella tua vita ti fanno soltanto perdere tempo. Resta focalizzato su quelle attività che rappresentano un valore aggiunto per la tua crescita personale.
• AGIRE CON DISCIPLINA. Una volta che hai individuato quelle aree della tua vita che intendi migliorare, sii disposto ad impegnarti fino in fondo. Identifica una serie di attività o azioni ben precise che devi compiere ogni giorno al fine di migliorarti, ragionando in termini di piccoli incrementi quotidiani. Ovviamente, siccome la crescita personale non è un cammino “lineare”, valuta di volta in volta, in relazione agli imprevisti e ai cambiamenti inattesi, eventuali accorgimenti cosicché da migliorare il processo di miglioramento.

A queste si aggiunge la capacità di autoriflessione, ovvero riflettere con sincerità su quanto ci accade nella vita e nel lavoro, cosa si è sbagliato e cosa è stato fatto bene e trarne una lezione per andare avanti più forti di prima. Nell’approccio Kaizen significa mostrare la forza e la consapevolezza di ricercare il meglio per il proprio futuro, andando oltre i luoghi comuni del “Non si può fare” o “Si è sempre fatto cosi”.

È una psicologa clinica, psicoterapeuta sistemico – relazionale, mediatore familiare e terapeuta E.M.D.R. Svolge la libera professione presso il poliambulatorio POLIMEDICA, oltre all’attività di consulenza e terapia rivolta al singolo, coppia e famiglia, si occupa di formazione in collaborazione con Enti pubblici e privati. Si occupa anche di supervisione e coordinamento di strutture per l’infanzia 0-6 anni.

Per scrivere a Petra Visentin:
petravisentin@gmail.com

X