Mamme, attente al sole!

Stare al sole è una piacevole sensazione alla quale è quasi impossibile rinunciare. Grandi e piccini aspettano con ansia l’estate anche per il suo tepore e la possibilità di togliersi i pesanti indumenti per lasciare finalmente la pelle scoperta. Il sole può essere nostro amico, se preso con le dovute attenzioni. Infatti, i raggi solari stimolano la pelle a produrre la vitamina D, indispensabile per l’assorbimento del calcio e per la sua deposizione nelle ossa; aiutano a regolare il ritmo sonno/sveglia; curano in maniera naturale alcune malattie della pelle; stimolano la produzione di melanina;

favoriscono il mantenimento della temperatura corporea; agiscono su alcuni meccanismi biologici che influiscono sull’umore. E’ assolutamente necessario, però, evitare che, soprattutto i più piccoli, si scottino al sole. Quando si è al mare, si sa, tenere i bambini sotto l’ombrellone non è facile. Così come spalmarli con la crema e convincerli a indossare cappellino, occhiali da sole e maglietta. Eppure bisogna farlo, perché proteggerli dai raggi ultravioletti significa tutelare la loro salute presente e futura. Basti pensare che cinque scottature prese prima dei 20 anni aumentano dell’80% il rischio di sviluppare un melanoma.


Abbiamo incontrato la dottoressa Maria Silvia Cavinato, specialista in pediatria, e le abbiamo chiesto alcuni consigli utili per proteggere i nostri figli:
• i neonati e i bambini fino ai 3 anni di età non dovrebbero mai essere esposti ai raggi solari diretti ma sempre con una protezione solare ad ampio spettro o con un indumento chiaro. Sopra i 3 anni applicare la crema protezione 50, più volte al giorno e dopo il bagno in mare;
• evitare l’esposizione al sole nelle ore centrali, tra le 11 e le 16;
• proteggere gli occhi dal sole con un cappellino a tesa larga;
• bere acqua e mangiare tanta frutta e verdura di diversi colori, per assicurarsi tutte le vitamine necessarie. Se il bambino è particolarmente attivo in spiaggia, integrare con sali minerali;
• ogni bambino ha il suo fototipo, dall’uno al sei, a seconda dei colori di pelle e capelli: più è alto e più si riduce il rischio di scottature;
• l’esposizione al sole è permessa, sempre con le dovute accortezze, anche se il bambino sta prendendo antibiotici o farmaci comuni. Buona estate al sole in sicurezza a tutti!

About Author /

La Rana Che Ride è un’associazione di promozione sociale nata nel 2017, con lo scopo di organizzare attività per bambini e famiglie, residenti a Jesolo o turisti. Proponiamo tante iniziative ludico/ricreative, eventi, laboratori, gite, animazione, durante tutto l’anno.

Start typing and press Enter to search