Percorsi “Diversamente ciclabili” pt.2

Percorso lungo Piave Vecchia tot km 6,7

Partendo da Caposile, all’inizio di via Castaldia si procede seguendo l’antico percorso del Piave. Si passa sotto il ponte del solstizio dove si combattè la “Battaglia del Solstizio” (nome coniato da Gabriele D’Annunzio) nel giugno 1918 tra l’imperial regio Esercito austriaco e il Regio Esercito italiano e vide impegnati gli austroungarici nella loro ultima grande offensiva della Prima Guerra Mondiale.

Si procede lungo un percorso su strada sterrata (tranquilli, il fondo è compatto), lontano dalle carrozzabili e immersi nel verde, fino all’arrivo alla darsena di Musile. Qui si trova l’osteria “Al Tajo” dov’ è possibile rinfrancarsi con deliziosi cicchetti veneziani;  purtroppo non dispone di bagni per disabili.  Il percorso completo non occupa più di un’ora.

Percorso da Torre di Fine all’aviosuperficie di Caorle tot km 10

Si parte da Torre di Fine, nel comune di Eraclea, e, lungo via Vallesina, si raggiunge la località Brian. Il percorso è tutto d’asfalto e la strada è percorsa da automobili.  Si consiglia di fare attenzione al traffico, anche se di poca entità. Il tratto passa di fronte alla tenuta agricola La Fagiana, famoso fondo di coltivazione del riso, e prosegue sulla via che porta il nome della tenuta. Arrivati a Brian si prosegue su via Pollastrona che corre lungo il canale Revedoli. 

Lungo questo tratto si trova la piccola chiesa di Valle Tagli. Al termine di via Pollastrona  si svolta a destra su strada Trezzon e si giunge all’aviosuperficie di Caorle. L’accesso è riservato ai soci, ma si può comunque entrare e usufruire sia del bar del campo che dei servizi dedicati.

About Author /

è una donna disabile, orgogliosamente disabile viene da dire conoscendola, perché lei con molta sincerità dice: «La mia vita sulle ruote non è troppo male, anzi». Se c’è qualche cosa che non le piace è la mancanza di conoscenza da parte delle persone, che finisce per causare grandi difficoltà. Ironica, intelligente e molto sensibile, Emanuela racconterà a Vivijesolo com’è la sua vita da disabile, tra episodi divertenti e altri scomodi: perché tutto potrebbe diventare un po’ più facile se solo ci fosse un minimo di accortezza da parte di tutti. Per scrivere a Emanuela Bressan: soloabili@yahoo.it

Start typing and press Enter to search