It’s another Tequila Sunrise

Starin slowly cross the sky

Cantavano gli Eagles nel lontano 1973. Quanti di noi hanno visto l’alba?
Magari tornando dal bar appena chiuso, dopo avere lavorato ti fermi ad ammirarla quella palla colorata che sale verso l’alto del cielo. L’alba ha sempre un sapore particolare, il sole che sorge ti fa sempre pensare e, chissà perché, ha anche un qualcosa che ti calma. Rifletti!

L’ultimo cliente che ti ha chiesto quella cosa, quella signora che portava addosso quel profumo meraviglioso che ti è rimasto impresso. Quella volta che hai dormito in spiaggia dopo una serata di falò e musica, la solita chitarra e i soliti cantautori italiani, poi… “accoccolati ad ascoltare il mare”… come dice quella canzone speri in qualcosa in più, ma tutto è così romantico che va bene ugualmente.

Poi LUI sorge ed inizia ad illuminare il mondo. ANOTHER DAY. Un altro giorno che sorge e una notte che, forse, ti ha lasciato qualcosa in più. Ci hanno scritto testi di canzoni, poesie e ci hanno creato pure un cocktail con i colori dell’alba… appunto, TEQUILA SUNRISE…

  • con il Tequila
  • con il Succo di Arancio
  • con lo sciroppo di Granatina.

Narra la leggenda che il primo drink fu creato per un cliente del Arizona Biltmore Hotel di Phoenix. Al ritorno da una gita nel deserto fu colpito dai colori dell’alba e chiese al barman un drink a base di Tequila.

… In quel deserto ci sono stato e l’alba è qualcosa di incredibile…

About Author /

è uno dei barman più esperti e noti d’Italia. Fiduciario Aibes Veneto e Trentino Alto Adige, si dedica con grande passione alla formazione dei giovani.

Start typing and press Enter to search